Selezione naturale yahoo dating

selezione naturale yahoo dating

All content on this website, including dictionary, thesaurus, literature, geography, and other reference data is for informational purposes only. This information should not be considered complete, up to date, and is not intended to be used in place of a visit, consultation, or advice of a legal, medical, or any other professional.

Le piante aromatiche ed officinali sono una risorsa economica spesso poco considerata, eppure rientrano in una grandissima varietà di prodotti: oli essenziali, tisane, infusi, profumi, prodotti per la bellezza, ingredienti per la cucina… Avviare una coltivazione di queste piante è certamente una iniziativa insolita, ma che può regalare grandi soddisfazioni sia dal punto di vista personale che da quello economico. In questa guida approfondiamo tutto ciò che c’è da sapere per avviare una coltivazione di piante aromatiche e officinali, le formalità burocratiche e i requisiti pratici, tecnici, agronomici da tenere in considerazione.

Spesso non ci si pensa, ma sia le piante aromatiche che le erbe officinali ricoprono un importante ruolo nella nostra vita di tutti i giorni .

Basti pensare a tutti i “profumi” ed ingredienti che usiamo quotidianamente in cucina (ad esempio rosmarino, salvia, prezzemolo, alloro, maggiorana, origano…), ma anche alla sterminata varietà di prodotti per la casa (pot-pourri, deodoranti per ambienti, sacchetti profumati per armadi e cassetti, candele…) e per la bellezza (saponi, creme idratanti ed esfolianti, impacchi vegetali, estratti, oli essenziali, profumi…), ed ancora a tutte le tisane ed infusi che si trovano nelle nostre dispense (finocchio, melissa, tiglio, liquirizia, malva, sambuco, rosa canina…), e agli aromi e spezie che vengono utilizzati dall’industria di conservazione ed alimentare (sotto forma di condimenti, caramelle, sciroppi, aromi, insaporitori per pietanze, conservanti naturali…).

Le piante aromatiche sono inoltre un ingrediente essenziale di molte bevande alcoliche come liquori e distillati (fra i più famosi troviamo, ad esempio, anice, genepì, sambuca…). Da non dimenticare è anche l’esteso utilizzo delle piante officinali da parte dell’ industria farmaceutica ed erboristica , come base per la produzione di medicinali di vario tipo.

L’importantissimo ruolo svolto dalle piante officinali e dalle erbe aromatiche nella nostra quotidianità assume un significato particolare, se pensiamo che la maggior parte di questi prodotti commercializzati nel nostro Paese sono di provenienza estera (tipicamente, dai Paesi dell’Est o extracomunitari).

Il mercato è in continua espansione , soprattutto per un fenomeno tipico degli anni più recenti: la riscoperta del concetto di naturalità e genuinità , nonché l’alimentazione salutistica, che hanno causato un vero e proprio boom di prodotti di origine naturale sia in cucina che in casa, e per la cura ed il benessere del proprio corpo.

La produzione italiana al momento non è sufficiente per coprire i fabbisogni di queste piante aromatiche ed officinali, che per ben il 70% devono essere importate dall’estero (fonte: FIPPO – Federazione Italiana Produttori Piante Officinali , vedi link in fondo alla pagina) e dunque l’ipotesi di avviare una coltivazione specifica di queste essenze vegetali non solo ha una giustificazione dal punto di vista della domanda e dell’ offerta , ma promette potenzialmente ottime prospettive di guadagno .



Survival - definition of survival by The Free Dictionary

Le piante aromatiche ed officinali sono una risorsa economica spesso poco considerata, eppure rientrano in una grandissima varietà di prodotti: oli essenziali, tisane, infusi, profumi, prodotti per la bellezza, ingredienti per la cucina… Avviare una coltivazione di queste piante è certamente una iniziativa insolita, ma che può regalare grandi soddisfazioni sia dal punto di vista personale che da quello economico. In questa guida approfondiamo tutto ciò che c’è da sapere per avviare una coltivazione di piante aromatiche e officinali, le formalità burocratiche e i requisiti pratici, tecnici, agronomici da tenere in considerazione.

Spesso non ci si pensa, ma sia le piante aromatiche che le erbe officinali ricoprono un importante ruolo nella nostra vita di tutti i giorni .

Basti pensare a tutti i “profumi” ed ingredienti che usiamo quotidianamente in cucina (ad esempio rosmarino, salvia, prezzemolo, alloro, maggiorana, origano…), ma anche alla sterminata varietà di prodotti per la casa (pot-pourri, deodoranti per ambienti, sacchetti profumati per armadi e cassetti, candele…) e per la bellezza (saponi, creme idratanti ed esfolianti, impacchi vegetali, estratti, oli essenziali, profumi…), ed ancora a tutte le tisane ed infusi che si trovano nelle nostre dispense (finocchio, melissa, tiglio, liquirizia, malva, sambuco, rosa canina…), e agli aromi e spezie che vengono utilizzati dall’industria di conservazione ed alimentare (sotto forma di condimenti, caramelle, sciroppi, aromi, insaporitori per pietanze, conservanti naturali…).

Le piante aromatiche sono inoltre un ingrediente essenziale di molte bevande alcoliche come liquori e distillati (fra i più famosi troviamo, ad esempio, anice, genepì, sambuca…). Da non dimenticare è anche l’esteso utilizzo delle piante officinali da parte dell’ industria farmaceutica ed erboristica , come base per la produzione di medicinali di vario tipo.

L’importantissimo ruolo svolto dalle piante officinali e dalle erbe aromatiche nella nostra quotidianità assume un significato particolare, se pensiamo che la maggior parte di questi prodotti commercializzati nel nostro Paese sono di provenienza estera (tipicamente, dai Paesi dell’Est o extracomunitari).

Il mercato è in continua espansione , soprattutto per un fenomeno tipico degli anni più recenti: la riscoperta del concetto di naturalità e genuinità , nonché l’alimentazione salutistica, che hanno causato un vero e proprio boom di prodotti di origine naturale sia in cucina che in casa, e per la cura ed il benessere del proprio corpo.

La produzione italiana al momento non è sufficiente per coprire i fabbisogni di queste piante aromatiche ed officinali, che per ben il 70% devono essere importate dall’estero (fonte: FIPPO – Federazione Italiana Produttori Piante Officinali , vedi link in fondo alla pagina) e dunque l’ipotesi di avviare una coltivazione specifica di queste essenze vegetali non solo ha una giustificazione dal punto di vista della domanda e dell’ offerta , ma promette potenzialmente ottime prospettive di guadagno .